Menu
 

Il rispetto dell’ambiente, un imperativo condiviso

 

L’aspetto ambientale ed il rispetto dell’ecologia sono al centro delle preoccupazioni del Traforo del Monte Bianco.

Quotidianamente, vengono effettuate delle misure di controllo della qualità dell’aria all’interno e all’esterno della galleria.

Degli organismi esterni sono incaricati del controllo quotidiano dei tassi di inquinanti nel traforo e lungo gli itinerari di accesso.

La qualità dell’aria, la concentrazione di polveri e il rumore sono monitorati da enti competenti delle due regioni per garantire agli abitanti delle due vallate ed agli utenti il rispetto dei limiti fissati dalle normative europee.

Al Traforo del Monte Bianco è vietato il transito ai veicoli adibiti al trasporto superiori a 3,5 tonnellate PTT classificati nelle categorie inquinanti Euro 0, Euro 1* e Euro 2** (ovvero, immatricolati prima del 1° ottobre 2001). Questo divieto interessa altresì, a partire dal 1° gennaio 2019, i veicoli adibiti al trasporto di merci superiori a 7,5 tonnellate PTT classificati Euro 3 (ovvero, immatricolati prima del 1° ottobre 2006).

Questa politica, congiunta al progressivo rinnovo del parco veicoli in atto in Europa, contribuisce in modo concreto alla riduzione dell’inquinamento nel Traforo e lungo gli itinerari di accesso.

* dal 1° gennaio 2011
** dal 1° novembre 2012

 



Ripartizione del traffico pesante (autobus + camion) per categoria di inquinamento



Evoluzione delle emissioni da parte dei motori diesel dei mezzi pesanti




 Top